10 ottobre 2014

Rome Model United Nations (RomeMUN)

Vuoi sapere chi ha scritto questo articolo?

article image

Lo scorso marzo ho preso parte alla quinta edizione del Rome Model United Nations, la più grande simulazione italiana dei dibattiti tenuti nelle commissioni delle Nazioni Unite e nelle organizzazioni e agenzie speciali che sempre fanno capo all’ONU. L’edizione 2014 del RomeMUN si è svolta dal 13 al 17 marzo nella capitale romana, accogliendo centinaia di studenti provenienti dalle più svariate università ed organizzazioni di studenti all’estero.

Perché hai scelto questa esperienza?

Essendo uno studente della Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali presso l’Università “L’Orientale” di Napoli, ho trovato l’iniziativa estremamente interessante ai fini del mio percorso di studi: ero elettrizzato perché mi sarei calato in una realtà simulata in cui avrei potuto vedere un po’ più da vicino i meccanismi di funzionamento e i valori alla base di un’organizzazione internazionale così importante come le Nazioni Unite. Saremmo stati affiancati da esperti durante tutte le fasi della simulazione: ognuno di essi è stato in effetti fondamentale nella buona riuscita del training che un MUN rappresenta per i suoi partecipanti.

Chi può partecipare?

Può partecipare assolutamente CHIUNQUE! È vero che la maggior parte dei colleghi conosciuti durante le giornate del MUN, sia italiani che stranieri, frequentassero corsi triennali e magistrali in Relazioni Internazionali o Giurisprudenza e affini. Ma questa non è stata la regola: nella mia commissione c’erano anche ragazzi impegnati in percorsi di Ingegneria, Architettura, Studi per il Servizio Sociale e Criminologia!

RomeMUN 2014

Cosa prevede?

Il RomeMUN prevede delle intense giornate di simulazione di dibattiti nelle varie commissioni delle Nazioni Unite su temi importanti dell’attualità delle relazioni internazionali. Politica, economia, tutela dell’ambiente, sviluppo umano, lotta alla fame nel mondo, internet, terrorismo, afficantati da particolari tematiche su temi di attualità che i Chair delle commissioni avrebbero potuto introdurre durante i lavori, stravolgendo completamente l’equilibrio della conferenza stessa (cosa che non è accaduta nell’edizione 2014, o almeno non all’interno della International Telecommunication Union, in cui io ero uno dei due delegati in rappresentanza della Repubblica Popolare Cinese).

Come si svolge in concreto?

RomeMUN 2014 3

Ognuno è collocato in una delle commissioni scelte dal team organizzatore dell’evento per le simulazioni (Giovani nel mondo, l’organizzazione no-profit che organizza il MUN di Roma, aveva creato piattaforme di discussione per il Consiglio di Sicurezza, l’Assemblea Generale, la FAO, l’ITU, lo UNHRC, la Corte Internazionale di Giustizia ed eccezionalmente la Corte di Giustizia dell’Unione Europea). Si è seguito un programma dettagliatamente organizzato da Giovani nel Mondo: cerimonia di apertura presso la sede della FAO, lavori delle commissioni nelle due sedi dell’Università LUISS di Roma (principale supporter dell’evento), social event sparsi durante il tempo libero nella settimana di simulazione, serata di ballo sfrenato e cerimonia di chiusura presso Eataly.

Come ci si iscrive?

Basta andare sul sito del RomeMUN e si trovano tutte le info e le scadenze per inoltrate la propria application! Sono disponibili anche molte borse di studio per cui si può competere ed ottenere copertura completa delle tasse di iscrizione e di svolgimento della conferenza. Tra l’altro, l’edizione 2015 è alle porte, piena di novità e si è ancora perfettamente nei tempi per inviare la propria candidatura per rivestire il ruolo di delegato, giornalista o traduttore/interprete!

Certificato?

Alla fine della conferenza viene rilasciato un certificato di partecipazione. Chi si è particolarmente distinto durante la simulazione, può ambire a premi come quelli di Debate Champion o Best Delegate e partecipare poi ad una delle conferenze organizzate dai partner di Giovani nel Mondo. Io sto per partire per il DanMUN 2014 a Copenaghen! E sono sicuro sarà una nuova esperienza altamente istruttiva.

Alloggio?

L’organizzazione dell’evento comprende anche la possibilità di alloggiare presso la struttura con cui il MUN è in convenzione. La scorsa edizione si è trattato dell’hotel Sheraton. Ognuno però è libero di scegliere, e sicuramente prendere posto in un ostello è altrettanto piacevole!

Pro & contro dell’esperienza?

Non ho da sottolineare alcun aspetto negativo riguardo al RomeMUN 2014. Tutto è stato eccezionale, l’organizzazione generale è stata più che buona, i tempi sono stati sempre rispettati e l’atmosfera tutt’intorno era frizzante, giovanile, gioviale, ma anche professionale! Le conquiste a livello relazionale, poi, sono strepitose: si conoscono centinaia di ragazzi da tutte le parti del mondo, si praticano almeno cinque lingue durante la stessa conversazione e l’intensità del programma svolto unisce in maniera unica! Cosa aspettate? C’è solo un RomeMUN su questa terra!

RomeMUN 2014 2

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti

oppure