11 aprile 2014

Economia e Management (Bocconi)

Vuoi sapere chi ha scritto questo articolo?

article image

Perché hai scelto questo Corso di Laurea? E perché in questa Università?

Ho deciso di intraprendere questo percorso di studi perché mi è sempre piaciuta l’economia e l’organizzazione, l’idea di poter gestire qualcosa. A dire il vero ero indeciso tra Economia Aziendale e Management ed Ingegneria Gestionale, ma alla fine ha prevalso l’idea che facendo un corso interamente economico sarei riuscito ad avere un quadro più ampio in ciò che mi interessa maggiormente. Inoltre, il CLEAM è un corso che lascia aperte molte porte, perché è abbastanza generico e la laurea magistrale può essere scelta con più tranquillità.
Ho scelto la Bocconi perché è un’università che oltre all’insegnamento di qualità, offre la possibilità di coltivare le proprie passioni tramite un vastissimo network che le permette di fornire ai propri studenti esperienze uniche, sia di studio che più “pratiche”.

Quali erano i requisiti di accesso e come li hai superati?

Il punteggio di ammissione era composto per metà dal test, per il quale mi sono preparato con gli Alpha Test, per un po’ meno della metà dalle medie di 3^ e 4^ superiore (solo di certe materie) e in piccolissima parte dal possesso di certificazioni (nel mio caso FIRST ed ECDL). Non so esprimermi sul mio posizionamento nella graduatoria dal momento che l’università non la pubblica, ma si riserva di notificare ai candidati soltanto l’esito positivo o negativo dell’ammissione.

2014-03-21_532c87af51e8c_InaugurazioneMontiA.A.2012-2013.png

Com’è strutturato il Corso di Laurea?

Ci sono 3/4 esami a semestre. Le materie più belle sono anche quelle più pesanti (Economia Aziendale, Bilancio, Macroeconomia…). Alcune hanno un’impostazione teorica, come Diritto Privato o Storia Economica, mentre altre, come Bilancio o Microeconomia, più pratiche; queste ultime sono ben strutturate perché vengono assegnati degli assignment settimanali che permettono allo studente medio di tenersi al passo con lo studio, stimolandolo a portare a termine il lavoro.

Credo invece che sia data poca importanza ad una materia come Informatica per l’Economia che si rivela molto utile nella vita di ogni giorno e a cui sono attribuiti solo 3 crediti. L’esame di Diritto Privato è molto simile, anche a livello di approfondimento richiesto dai professori, a quello del corso di Giurisprudenza (anche il libro è lo stesso) anche se da noi vale solo 6 crediti (come Storia Economica). Inoltre, chi non mastica troppo la matematica, nei primi due semestri, dovrà impegnarsi parecchio perché sono materie molto ricche di contenuti e per imparare bene in poco tempo ci vuole molta pazienza.

La personalizzazione del piano di studi è possibile solo al terzo anno tramite la scelta di tre esami opzionali, che possono essere convertiti sia con esami dati in Exchange, che con l’esame dato durante il Campus Abroad, che con un’esperienza di stage riconosciuta dall’università preventivamente.

Puoi dirci qualcosa di più sulla tua personale esperienza universitaria e se c’è qualcosa che ritieni possa essere migliorato nel Corso di Laurea?

Sono un tipo molto aperto alle esperienze extracurriculari e durante il periodo di lezioni mi piace riempire l’agenda di conferenze o esperienze complementari allo studio, anche se questo richiede grande organizzazione e sacrificio perché il tempo allo studio bisogna pur sempre dedicarlo. In generale, posso dire che le aspettative che avevo ai tempi del liceo sono state pienamente soddisfatte.

Come ti sei trovato al di fuori dell’ambito universitario?

La socializzazione è iniziata ancora prima dell’inizio delle lezioni sul gruppo Facebook di classe. Nei primi giorni ho stretto le amicizie che poi si sono rivelate le più importanti (uno di questi è ora il mio coinquilino).

Milano offre molto, dalla palestra alla vasta scelta di locali notturni. Per chi in particolare volesse continuare lo sport, la Bocconi stessa ha squadre di calcio, pallavolo, lacrosse, pallanuoto, basket e molto altro.

Seratinatranquilla.png

Cosa ti senti di consigliare a chi vuole intraprendere il tuo percorso?

Impegno, costanza e produttività sono le chiavi del successo qui in Bocconi. Sapersi organizzare prendendo in considerazione i propri limiti è molto importante: la mia giornata tipo inizia alle 8 e finisce anche dopo mezzanotte tra impegni accademici e non; si arriva a sera stanchi, ma soddisfatti. Vi stupirete di come potrete rendere bene se ciò che fate è davvero di vostro interesse.

Il tuo step successivo?

Proprio oggi l’università mi ha comunicato che l’anno prossimo passerò un semestre intero alla Singapore Management University. Per ora il mio programma per il futuro è terminare il CLEAM e poi provare ad entrare in specialistica in Bocconi (IM, international management, o EMIT, Economics and Management of Innovation and Technology).

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti

oppure