2 marzo 2014

Cinema Televisione e Produzione Multimediale (Università Roma Tre)

Vuoi sapere chi ha scritto questo articolo?

article image

Sto attualmente frequentando il Corso di Laurea Magistrale in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso l’Università Roma Tre.

È questo un Corso di Laurea davvero particolare che mi consentirà di spostarmi in tre diverse università, in tre diverse nazioni, nel corso di quattro semestri. Ho appena concluso il mio primo semestre a Roma e sono in partenza per il mio prossimo semestre. Destinazione: Francoforte.

Perché hai scelto questo Corso di Laurea? E perché in questa Università?

Ho scelto questo Corso di Laurea perché mi offriva l’opportunità di studiare cinema a livello internazionale, confrontandomi con le realtà cinematografiche di altri paesi e i diversi metodi di insegnamento delle materie. Vi sono solo tre atenei italiani a integrare l’IMACS (International Master In Audiovisual And Cinema Studies) con uno specifico Corso di Laurea. Roma Tre mi permetteva di iscrivermi al Corso di Laurea Magistrale in Cinema Televisione e Produzione Multimediale e al tempo stesso di opzionare il “curriculum” IMACS, a cui avrei potuto partecipare una volta superata la selezione. Ho pensato che potesse essere un’opportunità unica per coniugare due mie grandi passioni: i viaggi e il cinema.

Quali erano i requisiti di accesso e come li hai superati?

Per partecipare alle selezioni dell’IMACS era necessaria l’acquisizione di un certo numero di crediti in certe discipline artistiche (passaggio che è stato abbastanza complicato per me che non avevo fatto il Dams durante la laurea triennale, ma una triennale in lettere moderne), presentare un curriculum vitae in cui venissero riportate, oltre alle conoscenze linguistiche, anche delle esperienze inerenti al campo del cinema. Infine, ho dovuto presentare un progetto di ricerca inerente a ciò che avremmo voluto approfondire nei due anni di studio, magari anche come punto di partenza per la tesi. Oltre alla consegna del materiale, ho dovuto sostenere un colloquio orale.

Com’è strutturato il Corso di Laurea?

La particolarità del curriculum che ho scelto è che siamo solo in 8 a parteciparvi. Questo significa che seguiamo le lezioni anche con gli altri studenti del corso di cinema tv e produzione  multimediale, ma abbiamo un percorso personalizzato, che tiene conto della nostra esperienza all’estero.

Difatti il primo e il quarto semestre li trascorrerò presso l’ateneo di Roma Tre, mentre il secondo e il terzo in due università diverse partner del progetto IMACS. La mia prima meta sarà la Goethe Universitat a Francoforte, mentre la seconda meta non è stata ancora decisa.

UniversitàRomaTre

Puoi dirci qualcosa di più sulla tua personale esperienza universitaria e se c’è qualcosa che ritieni possa essere migliorato nel Corso di Laurea?

Al momento sono molto entusiasta delle possibilità offertami dal mio Corso di Laurea, mentre in passato, studiando Lettere, era più difficile l’ipotesi di spostarsi all’estero anche solo per un Erasmus essendo meno funzionale agli studi stessi. Al momento l’unico problema che ho riscontrato è che per la mia prima mobilità non mi è stata assegnata (né a me né ai miei compagni) alcuna borsa di studio, come quelle invece destinate agli studenti Erasmus, perché appunto non risultiamo tali. Tuttavia ci stiamo mobilitando perché la situazioni migliori nel terzo semestre.

Come hai trovato l’alloggio?

Ho cercato principalmente su internet (easystanza, affitto.it, stanza.it), ma mi sono rivolta anche al servizio alloggi di Roma Tre. I prezzi a Roma sono molto variabili a seconda della zona. È molto difficile, se non impossibile, trovare una stanza singola decorosa sotto i 450 euro.

Come ti sei trovato al di fuori dell’ambito universitario?

Condividendo questa particolare esperienza universitaria con altre sette persone, è stato naturale confrontarmi principalmente con loro all’inizio, anche per tutte le questioni burocratiche. Con alcuni ho stretto immediatamente amicizia.

La difficoltà del vivere a Roma senza auto è ovviamente lo spostamento, soprattutto serale. I mezzi non sono efficienti come a Milano (se piove la metro si allaga). Ci sono alcuni quartieri particolarmente consigliabili per gli studenti universitari, come Trastevere, San Lorenzo, Monti, Garbatella.

Cosa ti senti di consigliare a chi vuole intraprendere il tuo percorso?

Di aver voglia di buttarsi in un’esperienza che per certi aspetti può essere alienante, visto che si cambiano 3 stati in meno di due anni, ma allo stesso unica ed elettrizzante. Inoltre la nostra laurea viene riconosciuta in più di 15 paesi, cosa che facilita notevolmente l’accesso, ad esempio. ad un Ph.d.

Il tuo step successivo?

Terminati i due anni di magistrale, probabilmente vedrò cosa mi offre l’estero con la laurea che ho in mano. Con l’intenzione, però, di partire per ritornare.

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti

oppure