2 marzo 2014

Economia per Arte, Cultura e Comunicazione (Università Bocconi)

Vuoi sapere chi ha scritto questo articolo?

article image

Perché hai scelto il tuo Corso di Laurea triennale? E perché in quell’Università?

Non è una domanda facile a cui rispondere, nel senso che al momento della scelta avevo molta confusione in testa. Inizialmente, infatti, volevo fare giornalismo ed essendo appena uscita dal liceo classico propendevo per Lettere e Filosofia anche se ero un poco preoccupata riguardo ai possibili sbocchi lavorativi. Al contrario, la prima volta che ho visto la presentazione dell’Università Bocconi al mio liceo ero sì entusiasta, ma era come se la potessi raccomandare a chiunque tranne che a me stessa: ero convinta che l’economia non mi piacesse.

Tuttavia, andando sul sito e parlando con diverse persone, tra le quali una vicina di casa, ho poi scoperto dell’esistenza del Corso di Laurea in Economia per Arte Cultura e Comunicazione che mi avrebbe permesso, da un lato, di dedicarmi a materie umanistiche di mio principale interesse e, dall’altro lato, di studiare economia assicurandomi così migliori sbocchi lavorativi nonché garantendomi le conoscenze necessarie per intraprendere la carriera giornalistica. La scelta della Bocconi è stata poi una conseguenza “forzata” poiché dopotutto questo tipo di corso è stato creato proprio lì. Inoltre, l’Università in sé è un marchio di garanzia da mettere nel curriculum.

Quali erano i requisiti di accesso e come li hai superati?

Per entrare in Bocconi sono valutati il curriculum accademico (che pesa per il 50% del punteggio finale), il risultato di un test attitudinale che testa le conoscenze di logica, matematica, comprensione del testo e inglese (che vale 45% del punteggio finale) ed eventuali certificazioni d’inglese e informatica (che valgono il rimanente 5%). Il test non è difficile, salvo che il tempo per svolgerlo è poco: è quindi consigliabile prepararsi facendo qualche esercizio (utili simulazioni si trovano sul sito ovvero sui libri simulazioni “Bocconi-Luiss” acquistabili in ogni libreria).

Com’è strutturato il Corso di Laurea?

Il Corso di Laurea prevede lo studio di materie economiche di base, come microeconomia, macroeconomia e matematica, cui si affiancano materie più umanistiche, quali filosofia estetica e antropologia. Fin dal primo anno gli studenti possono poi scegliere degli esami opzionali riguardanti le diverse macro-aree dalle quali il mondo dell’arte è composto (es. comunicazione, storia dell’arte,  visual culture, arti sceniche e spettacolo).

Puoi dirci qualcosa di più sulla tua personale esperienza universitaria e se c’è qualcosa che ritieni possa essere migliorato nel Corso di Laurea?

Tra gli elementi che il Corso di Laurea offre in più durante l’ultimo anno, e che caratterizzano fortemente il proprio percorso, ci sono i laboratori. Durante i laboratori è infatti possibile non solo approfondire le conoscenze riguardanti un ambito d’interesse specifico, ma anche entrare in contatto con i professionisti del settore e sviluppare così un progetto. Tutto questo rende l’esperienza didattica molto più arricchente e più vicina al mondo del lavoro stesso.

Pensando invece a ciò che migliorerei, rafforzerei la parte economica-quantitativa aggiungendo lezioni che approfondiscano matematica finanziaria e avvicinando la struttura del corso a quelle delle altre lauree in economia offerte dalla Bocconi.

Come ti sei trovato al di fuori dell’ambito universitario?

Muoversi da una piccola città come Cagliari, dalla quale vengo, a una ben più grande come Milano non è stato facile. Tuttavia, dopo i primi mesi di ambientamento ho capito che Milano è una città in grado di offrire tantissimo sotto diversi punti di vista, da quello più mondano e festaiolo a quello artistico e cinematografico. Infatti, dalla movida milanese tra Navigli e Corso Como si può passare alle diverse mostre permanenti e temporanee di Palazzo Reale e alle esposizioni presso la Triennale. È inoltre una delle città d’Italia più proiettate verso l’Europa e più internazionali non solo perché turistica, ma anche perché al centro di eventi globali come le settimane della moda e le fiere del design.

Cosa ti senti di consigliare a chi vuole intraprendere il tuo percorso?

Il mio consiglio a chi volesse scegliere questo Corso di Laurea è quello di cercare di approfondire il più possibile l’interesse verso il mondo dell’arte e della cultura anche al di fuori dall’orario scolastico, approfittando di tutte le iniziative che l’Università e Milano in generale offrono. Cercate, ad esempio, di partecipare ad associazioni studentesche ed eventi culturali che, oltre ad essere divertenti, sono anche esperienze che arricchiscono tanto e che permettono di conoscere persone interessanti.

Il tuo step successivo?

Ora sto frequentando l’ultimo anno del Master in Marketing Management sempre in Bocconi. Anche se questa scelta può sembrare discostarsi dalla mia iniziale idea, è proprio grazie al percorso di comunicazione del terzo anno di Laurea Triennale che ho scoperto un forte interesse per quest’ambito, tanto che ho deciso di intraprendere la mia carriera in questo campo che mi appassiona molto.

Al momento sto valutando la possibilità di intraprendere un dottorato: sicuramente non è il percorso che avrei pensato di intraprendere all’inizio della mia carriera universitaria, ma penso sia normale non vedere nitidamente davanti a sé visto che dopotutto la propria futura strada si delinea mentre la si percorre. In fondo, l’importante è pur sempre saper fare tesoro della strada percorsa.

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti

oppure