9 marzo 2014

Lettere (Università degli Studi di Milano)

Vuoi sapere chi ha scritto questo articolo?

article image

Perché hai scelto questo Corso di Laurea? E perché in questa Università?

Ho frequentato il Liceo Classico ed ho sempre provato un forte interesse verso tutto ciò che riguardava le civiltà antiche e la traduzione. È stato naturale dunque scegliere Lettere. Ciò che più ho trovato interessante nel Corso di Laurea dell’Università degli Studi di Milano è stato l’approccio globale proposto per le civiltà antiche e la possibilità di seguire un percorso dedicato allo studio della linguistica, disciplina che mi consentiva di considerare non soltanto le lingue antiche ma anche quelle moderne dal punto di vista teorico.

Quali erano i requisiti di accesso e come li hai superati?

Nessun requisito d’accesso.

Com’è strutturato il Corso di Laurea?

Il Corso di Laurea triennale presenta 11 esami obbligatori per le materie di indirizzo (come Grammatica greca o Letteratura latina) e 6 esami a scelta; è inoltre obbligatoria la frequenza di almeno due laboratori. L’ organizzazione e la scelta dei corsi sono assolutamente a discrezione dello studente.

I corsi sono tutti ugualmente importanti, ma dovendo indicare quelli che più hanno catturato il mio interesse sono stati quelli di Linguistica generale, di Lingua e letteratura neogreca e di Lingua e letteratura ebraica, poiché mi hanno permesso di avvicinarmi a discipline con cui difficilmente si può entrare in contatto con una semplice formazione classica.

Puoi dirci qualcosa di più sulla tua personale esperienza universitaria e se c’è qualcosa che ritieni possa essere migliorato nel Corso di Laurea?

Mi ritengo piuttosto soddisfatta della mia esperienza, pur essendo convinta che l’organizzazione del Corso di Laurea in Lettere in un Ciclo di Laurea Triennale seguito da una Laurea Magistrale sia assolutamente sbilanciata e insensata, dal momento che la Laurea Magistrale (necessaria per accedere ai concorsi per l’insegnamento) si limita ad essere una ripetizione, seppure approfondita, delle materie e dei corsi già affrontati al triennio. Potrebbero poi essere maggiormente incentivate le esperienze e gli stage all’estero.

Cosa ti senti di consigliare a chi vuole intraprendere il tuo percorso?

Consiglio di affiancare se possibile allo studio universitario lo studio di alcune lingue straniere e di muoversi autonomamente per quanto riguarda stage ed esperienze lavorative.

Il tuo step successivo?

Ho l’intenzione di studiare per ottenere il DITALS (il diploma di insegnante di lingua italiana per stranieri riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione) e proseguire nello studio delle lingue straniere che ho portato avanti in questi anni.

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti

oppure