10 luglio 2012

TOChina Summer School 2012 Edition (Università degli Studi di Torino)

Vuoi sapere chi ha scritto questo articolo?

article image

E’ un’iniziativa che nasce nel 2007 nella Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Torino nell’ambito del progetto TOAsia, un’unita di lavoro che si occupa di coordinare le attività formative e di networking con Cina, India e Medio Oriente.

A chi si rivolge? 

A laureati (ad es. giornalisti, ma anche professionisti con pluriennali esperienze di lavoro) o studenti di ogni facoltà, almeno al secondo anno del corso di laurea (per coloro che abbiano già fatto la triennale è specificato come voto minimo 100/110).

Cosa prevede?

Lezioni tenute in inglese da professori ed esperti provenienti da tutto il mondo (Australia, Cina, Germania, India, Italia, USA) focalizzate su politica, relazioni internazionali e political economy della Cina contemporanea. Nel 2012 sono state le seguenti:

  • The rise of the concepts of 盛世 (shengshi, wealth/power) from the Qing to today“, Prof. Geremie Barmé (Director of the Australian Centre on China in the World and Professor of Chinese History in the Australian National University)
  • Developing the Chinese developmental state: the 12th Five Year guidelines in post-Hu/Wen China“, Dr. Yu Yongding (formerly the academic member of the Monetary Policy Committee of the People’s Bank of China and member of National Advisory Committee of the 11th Five Years Plan of National Reform and Development Commission)
  • Domestic and international profiles of the sustainability of China’s economy“, Dr. Yu Yongding
  • China as a historical and ideological construct“, Prof. Geremie Barmé
  • Six decades of “New China”: the evolution of the study of Chinese politics“, Prof. David Shambaugh (Director of the China Policy Program and Professor of Political Science and International Affairs in the George Washington University)
  • State-­owned intellectuals? Public intellectuals in contemporary China“, Prof. Maurizio Marinelli (Director of the China Research Centre and Professor of Chinese Studies in the University of Technology Sydney)
  • Producing the city, consuming the nation: reflections on Beijing, Tianjin and Shanghai“, Prof. Maurizio Marinelli
  • The Chinese Communist Party at 90: its potential sustainability“, Prof. David Shambaugh
  • Seminario con Romano Prodi, ex presidente del Consiglio dei Ministri e della Commissione europea
  • The creation of the China Story“, Prof. Geremie Barmé
  • China goes global: a partial power’s views of the world“, Prof. David Shambaugh
  • Out-­bound: contextualizing and embedding China’s return to global prominence“, Prof. Ashley Tellis (senior associate at the Carnegie Endowment for International Peace and advisor to former US President George W Bush)
  • Human incentives, political calculus, and economic rationales: the quest for China’s harmonious society“, Dr. Yu Yongding
  • China’s political economy in modern times: changes and continuity, 1800‐2000“, Dr. Kent Deng (Reader in Economic History in LSE)
  • China’s role in the East-­Asian production chain“, Prof. John Ravenhill (Professor in the Department of International Relations in the Australian National University)
  • FTAs in the Asia­‐Pacific: building blocks or stumbling blocks?“, Prof. John Ravenhill
  • China’s political economy in modern times: national and global consequences“, Dr. Kent Deng
  • The neighbourhood consensus: participation and governance in China’s urban communities“, Dr. Luigi Tomba (Senior Fellow, Australian Centre on China in the World)
  • The reforming PLA as a foreign policy actor“, Bonnie Glaser (Senior Fellow, Freeman Chair in China Studies and Senior Associate in the Center for Strategic and International Studies)
  • Foreign policy challenges for the incoming Chinese leadership: an assessment“, Bonnie S. Glaser
  • Whose harmony? Managing social mobility and conflict in upper­‐middle‐income China“, Luigi Tomba
  • Enacting China’s grassroots participation to governing“, Dr. Anja Senz (Managing director in the Confucius Institute Metropolis Ruhr)

Alle lezioni, si sono aggiunti vari eventi: City Sightseeing in bus per Torino, aperitivo offerto al Caffè Cabiria ai piedi della Mole Antonelliana, 2 Lunch Buffet in Villa Abegg, Dinner Buffet nella sede di T.wai (Torino World Affairs Institute) a seguito del Seminario tenuto da Romano Prodi e Farewell party a “Le Vitel Etonné”.

Come si svolge in concreto? 

Durante la prima settimana le lectures si tengono dal lunedì al sabato dalle 9,30 alle 17 circa (con una pausa pranzo dalle 12,30 alle 15), mentre nella seconda settimana l’orario rimane lo stesso, ma finisce al venerdì (quando sosterrete l’esame finale dalle 14,30 alle 16,30, che consiste nel rispondere ad una tra 5 domande aperte). Si vive quasi in un mondo parallelo in quei giorni e si impara veramente tanto. Tra gli aspetti più interessanti vi è stato sicuramente il fatto che 30-60 minuti per ogni lecture vengono dedicati alle domande degli studenti/laureati (e spesso anche di più data la fortissima curiosità dei partecipanti!). In Italia spesso le domande non vengono neanche fatte o comunque 5-10 minuti sono più che sufficienti.

Durata?

2 settimane tra Giugno e Luglio (nel 2013 le lectures si svolgeranno tra il 24 Giugno e il 5 Luglio).

Dove?

A Torino, principalmente nella sede del Dipartimento di Studi Politici in via Giolitti 33.

Iscrizione? 

Anzitutto tramite una online application form. Dovrai poi dimostrare davvero tanta motivazione nella covering letter (nel 2011 solo il 25% delle domande sono state accolte. I posti disponibili sono 35), a cui dovrai far seguire CV, attestato di iscrizione ad un corso di laurea e statino accademico (questi ultimi due ovviamente non sono richiesti per i professionisti). Una volta ricevuta l’email in cui TOAsia dichiara di aver accettato la tua application, potrai procedere al pagamento della quota.

Costo?

450 euro per gli studenti e 700 per i professionisti per le lectures, con possibilità per gli studenti di avvalersi di borse di studio che coprono le spese delle lectures e di borse di studio che coprono anche le spese dell’alloggio.

Pagine: 1 2

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti

oppure